martedì 25 luglio 2017

TATUAJE DI A. ALONSO E J. PELEGRìN (recensione)

Ciao a tutti come state?
Scusate per le poche recensioni ma sto leggendo veramente poco ma finalmente sono riuscita a finire questo libro.
Voi avete letto questo libro? Cosa ne pensate?

TITOLO: Tatuaje; un legame indelebile
AUTORE: Ana Alonso e Javier Pelegrìn
EDITORE: Fanucci editore
Pagine: 439
Costo: 17€ (cartaceo) 4,99€ (eBook)
Valutazione: 3,5/5
TRAMA: Alex ha sedici anni ed è follemente innamorato di Jana. Ma lei, schiva e ribelle, non è una ragazza qualunque: appartiene, insieme a suo fratello David, a un’antica stirpe di maghi in grado di cambiare per sempre il destino degli amanti. Entrambi hanno sul loro corpo un tatuaggio che gli permette di entrare in un mondo sconosciuto, dove il potente Guardiano delle Parole ha intenzione di eliminarli e, così facendo, dominare l’umanità. È uno scontro dal quale non possono sottrarsi. Alex non ha esitazioni nel seguire Jana, nel farsi tatuare un disegno che li unirà per sempre... Ma non sarà solo l’amore a sconvolgere la sua vita: si ritroverà ad affrontare qualcosa che mette in discussione l’essenza stessa dei sentimenti, dei sogni e dei desideri.

Combinazione perfetta di sensualità, magia e azione, Tatuaje è una storia d’amore che supera i limiti di una passione terrena, è la prova che i sentimenti possono durare ovunque e per sempre. Con le sue atmosfere suggestive, Tatuaje è un romanzo che vi rimarrà indelebilmente impresso sulla pelle.
“In alcune culture il tatuaggio è considerato come qualcosa di magico. Ti concede la forza o l’abilità  di ciò che disegni. In un certo senso, fa si che coesistano nella tua anima i vari esseri che popolano la tua pelle"COMMENTO: La storia di questo libro è molta bella e particolare, però l’ho anche trovato un po’ noioso per quasi tutta la durata della storia poi verso la fine inizia a prendere un po’ di vita.
Anche se comunque anche la fine dove c’è più azione è scritto in modo molto lento e noioso.
Il modo di scrivere l’ho trovato pesante e molto lento.
All’inizio la storia era davvero difficile da capire ma poi è migliorata un po’ ma è comunque stato difficile capirlo forse perché pieno di informazioni e di nomi complicati.
I personaggi principali sono Alex, Jana e Erik. Devo dire che il carattere di nessuno dei tre mi è piaciuti particolarmente, nessuno di loro ha proprio un carattere forte o che almeno spicchi per il coraggio o il modo di fare.
Io accetto le persone che amano incondizionatamente ma l’amore di Alex per Jana è più una ossessione che amore perché non la conosce nemmeno e già pretende e pretende da lei è ha una gelosia morbosa nei suoi confronti.
Erik non si capisce bene cosa voglia dalla vita, non si capisce se è un vero amico nei confronti di Alex, se abbia mai voluto bene al padre, se ami o meno Jana ma una cosa è sicura ha avuto fegato fino all’ultimo anche se tutto il suo coraggio lo dimostra in modo strano.
Ma vogliamo parlare di Jana? Lei è la più complessa perché ama Alex ma allo stesso è una pedina nei suoi giochi per vendicarsi ma allo stesso tempo lo aiuta sia a scappare che a liberarsi dal suo destino.
I guardiani poi sono i personaggi meno comprensibili di tutti però devo dire che mi sono piaciuti.
Il finale mi è piaciuto ma mi spiace moltissimo per Erik perché in fondo era un bravo ragazzo.

Nessun commento:

Posta un commento